Parrocchia San Pietro apostolo in San Pietro all'Olmo
Parrocchia Santi Giacomo e Filippo in Cornaredo
Madonna di Guadalupe



 
Sempre Vergine
Santa Maria Guadalupe
(12 dicembre)

Più propriamente si dovrebbe dire Nuestra Señora de Guadalupe (o Virgen de Guadalupe), in spagnolo, perché è soprattutto in America Latina che viene venerata. La Madonna è sempre la Madonna, ma il suo culto è spesso legato a situazioni particolari o eventi specifici, soprattutto Apparizioni, come in questo caso.
La tradizione ci dice che Maria apparve ad un certo Juan Diego, un contadino azteco convertito al cristianesimo, mentre stava attraversando la collina del Tepeyac, presso l'odierna Città del Messico, diretto alla città; Juan venne attratto da un canto di uccelli straordinariamente dolce e delizioso; cessato il canto udì le stesse "voci" chiamarlo per nome e infine vide una Donna con un vestito splendente e vide anche la terra attorno risplendere nella nebbia; la Visione lo chiamò per nome, gli disse di essere la Perfetta Sempre Vergine Santa Maria, Madre del Verissimo Dio per il quale si vive, il Creatore delle persone, il Signore di tutto ciò che ci circonda e ci avvolge, il Padrone del cielo, il Padrone della terra; poi gli chiese di andare dal vescovo per raccontargli tutto e chiedergli di far erigere una cappella in Suo onore ai piedi di quella collina. Era la mattina del 9 dicembre 1531, un sabato di 488 anni fa. Juan corse a riferire la faccenda al vescovo del luogo, fra' Juan de Zumárraga (un Francescano appena giunto nel Paese, primo Vescovo del Nuovo Continente), e naturalmente non fu creduto.
Juan era uno dei primi atzechi battezzati; il suo nome prima del battesimo era Cuauhtlatoatzin (pronuncia per noi improponibile) che significa "colui che grida come un'aquila".
La Madonna apparve una seconda volta a Juan la sera stessa; lui riferì del fallimento della "missione" e chiese di essere sostituito nell'incarico con una persona "più importante" perché aveva addirittura avuto difficoltà a farsi ricevere dal vescovo; ma la Visione ripeté le istruzioni della mattina. Quando il vescovo ne ascoltò il racconto fu più possibilista: chiese "un segno" che dimostrasse l'autenticità del fatto. Terza apparizione già il giorno successivo, domenica, sempre sul Tepeyac, quando la Vergine promise che il giorno successivo avrebbe mandato il "segno" richiesto.
Ma Juan non poté andare all'appuntamento per via che suo zio Juan Bernardino era in fin di vita e lui dovette andare ad assisterlo e poi a cercare un sacerdote per i Sacramenti rinviando a più tardi l'incontro con la Signora. Evitò di passare dal solito posto per non incontrarla, ma la Signora gli si presentò ugualmente lungo la nuova strada e gli ordinò di salire sul monte a raccogliere dei fiori; gli disse anche di non preoccuparsi per suo zio perché tanto era già guarito e non aveva più bisogno di lui.
È qui la frase più celebre di tutti i colloqui: No temas. No estoy yo aquí que soy tu Madre? (Non temere. Non sono forse tua Madre, io che sto qui?); la frase viene normalmente riportata in spagnolo ma sappiamo che quei colloqui furono nella lingua nahuatl parlata dagli Aztechi.
Comunque è proprio in quel momento che lo zio di Juan guarì.
Sul monte, Juan trovò delle bellissime rose di Castiglia, profumatissime, cosa molto strana perché erano sbocciate in una zona di sole pietre e con l'inverno ormai iniziato (secondo il calendario giuliano allora in vigore eravamo ormai al solstizio d'inverno). Quei fiori fuori stagione erano il "segno" promesso; Juan ne raccolse un mazzo e li offrì alla Vergine che però non li volle e ordinò di portarli al vescovo quale "prova" e di raccontargli tutto, ancora una volta.
L'uomo recò i fiori avvolti nel suo mantello e quando lo aprì per mostrare quanto aveva raccolto, all'interno dell'indumento apparve impressa l'immagine nitida della Vergine: di fronte a tale prodigio i presenti caddero in ginocchio e credettero. La Vergine vi appare con i tratti propri di quelle popolazioni con il carnato scuro ed il viso dei meticci tanto che venne subito chiamata anche con l'affettuoso soprannome di Morenita; in più, sulla tunica porta dei fiocchi color viola molto scuro all’altezza del ventre, che nella cultura india caratterizzavano le donne incinte.
Più precisamente il mantello di Juan era una tilmàtli (o anche tilma), costituita da due teli di fibra di agave (ayate) cuciti insieme e utilizzata dalla gente più modesta.
 


La tilma all'interno della nuova Basilica
 
Era il 12 dicembre, martedì; le popolazioni di quei luoghi iniziarono da subito a venerare la "loro" Virgen Morenita insistendo sulla Santa Sede perché ne fosse riconosciuto ed esteso il culto, fino a che - nel 1667 - Papa Clemente IX emanò una bolla che ufficializzò la festa, in quel giorno.
Lo stesso 12 dicembre la Vergine apparve anche allo zio Juan Bernardino, lo guarì e gli disse di voler essere ricordata come Sempre Vergine Santa Maria Guadalupe.
Infatti Guadalupe non è il nome del luogo delle apparizioni (come Lourdes, Fatima, Banneux, ecc.): secondo il racconto accennato sopra, il nome "Guadalupe" fu indicato dalla Madonna stessa; la dicitura che usiamo noi verrebbe dalla storpiatura in spagnolo del termine Coatlaxopeuh (pron. quatlasupe - più o meno) che nella lingua nahuatl parlata dagli Aztechi significa "Colei che schiaccia il serpente", definizione biblica della Madonna (Genesi 3,14-15). Detto questo, non sbaglia chi La chiama semplicemente la Guadalupe, anche se potrebbe sembrare un po' irriguardoso.
Diego apre la sua tilma davanti al vescovo Zumárraga (giardini della Basilica di Città del Messico)
Ai piedi della collina Tepeyac nel giro di pochi giorni fu eretta una cappella nella quale già il 26 dicembre fu posta la tilma di Juan Diego con l'Immagine prodigiosa. La cappella fu poi sostituita da altre costruzioni maggiori, fino alla realizzazione della grande Basilica dei nostri giorni inaugurata il 12 ottobre 1976; si calcola in circa venti milioni il numero dei pellegrini che vi si recano ogni anno; si tratta del Santuario Mariano più visitato, al Mondo.
La Capilla del Cerreto, sulla collinetta della Prima Apparizione
Il mantello è tuttora custodito nella Basilica, a Città del Messico, ove è oggetto di grande venerazione anche se per completezza dobbiamo rammentare un attentato dinamitardo (1921) dal quale la reliquia uscì però indenne.
Naturalmente nel tempo si è scatenata una ridda di ipotesi sulla natura dell'Immagine che non è una pittura, né un disegno, né appare fatta da mani umane, quindi miracolosa e oltretutto rimasta inalterata nel tempo, malgrado le condizioni di conservazione non siano state certamente ottimali (tali che anche lo stesso tessuto di agave - e non solo l'immagine - avrebbe dovuto disgregarsi). Una delle osservazioni più interessanti risale al 1977, quando l'ingegnere peruviano José Aste Tonsmann riuscì ad ingrandire enormemente le immagini fotografiche delle pupille di Maria scoprendovi riflesse le figure di Juan Diego nell'atto di aprire il proprio mantello, del vescovo Juan de Zumárraga e di alcune altre persone.
Gli studiosi ricordano che nell'occhio umano si formano tre immagini degli oggetti osservati (chiamate scientificamente "di Purkinje-Sanson"); similmente è accaduto in quelli della Vergine del mantello, come se fosse stata presente - pur invisibile - alla scena.
Dopo le apparizioni Juan Diego si ritirò a vivere in penitenza e preghiera in una piccola casa vicina al santuario, dove visse per 17 anni, fino alla morte (1548). È stato proclamato Santo (primo Messicano) il 31 luglio 2002 da papa Giovanni Paolo II nel corso di una sua visita pastorale in Messico; la sua memoria liturgica è il 9 dicembre, giorno della prima Apparizione.
La Madonna di Guadalupe è stata proclamata Protettrice dell'America Latina da papa Pio X nel 1910. In Messico il 12 dicembre è giorno di precetto.


Il santuario di Città del Messico (ufficialmente: Insigne y Nacional Basílica de Santa María de Guadalupe) è un grande complesso nella parte nord della città e comprende diversi edifici. L'attuale Basilica fu inaugurata nel 1976, in sostituzione della precedente che era stata consacrata nel 1622 e che a sua volta aveva sostituito costruzioni minori. Quella del XVII secolo si era rivelata ormai troppo piccola ed era inoltre pericolante; a metà del '900 l'Instituto Nacional de Antropología e Historia e la Conferenza Episcopale Messicana ne iniziarono il restauro e ora è il Tempio Espiatorio a Cristo Re (chiamato anche "Antica Basilica di Nostra Signora di Guadalupe"), all'interno dello stesso complesso.

La Basilica del 1976, il Tempio Espiatorio a Cristo Re (o Antica Basilica)
e uno scorcio dal quale si vede quanto siano vicine fra loro, sullo sfondo della città.
In America Latina sono tantissime le chiese, località e santuari dedicati alla Vergine di Guadalupe; in Messico praticamente ogni città ha la sua. Niente a che vedere invece con la città californiana di San Diego, malgrado culturalmente legata agli Spagnoli e al Messico: "quel" san Diego non si riferisce al san Juan Diego veggente di Tepeyac ma piuttosto ad un frate francescano spagnolo morto nel 1463 (prima della scoperta dell'America) noto come San Diego d'Alcalá cui nel 1769 era stata intitolata una missione in quella che è poi diventata la Baia di San Diego. L'isola caraibica di Guadeloupe (ora francese) fu battezzata da Cristoforo Colombo, che la raggiunse per primo, in memoria di un omonimo monastero in Estremadura (Spagna), quindi anche questa è un'altra storia.
Una stampa del 1830ca. con la vecchia Basilica e la Capilla del Cerreto,
a sinistra, sulla collinetta delle Prime Apparizioni
Fra le testimonianze del rapido diffondersi della devozione alla Madonna di Guadalupe anche fuori del Messico e dell'America Latina, è significativa la presenza di una copia dell'immagine del Tepeyac nella cabina dell'ammiraglio genovese Gian Andrea Doria (nipote del più famoso Andrea Doria) alla battaglia di Lepanto contro i Turchi, nel 1571; l'aveva avuta in dono da re Filippo II di Spagna e questi dal successore del vescovo Juan de Zumárraga. Questa copia è una delle più antiche esistenti e si trova ora nella chiesa parrocchiale di Santo Stefano d'Àveto, in provincia di Genova (nell'entroterra di Chiavari), donata nel 1811 dal cardinale Giuseppe Maria Doria Pamphili, Segretario di Stato di papa Pio VII.
Nella valle d'Àveto il culto della Madonna di Guadalupe fu portato da uno studente presso i Gesuiti di Piacenza (reduci dal Messico da dove erano stati cacciati, nel 1767); da parte loro gli abitanti nel 1806 ottennero da Pio VII di festeggiare la Guadalupe anche la domenica successiva al 16 agosto per agevolare la partecipazione ai non residenti.

     
L'attuale chiesa, costruita negli anni '20 del secolo scorso e consacrata il 16 agosto 1925; il 19 agosto 1972 le è stato attribuito il titolo di Santuario della Madonna di Guadalupe. L'immagine che domina l'altare maggiore è antica ma non è quella "storica" donata dal cardinal Doria Pamphili, che viene invece custodita prudentemete altrove. L'ammiraglio Doria è raffigurato in un mosaico della facciata.

Alcune altre apparizioni, meno note o per le quali è vivo soprattutto un culto locale.
  • monte Figogna (Genova): 29 agosto 1490 - la Madonna appare una prima volta a Benedetto Pareto, un pastore molto povero, chiedendo che Le fosse dedicata una cappella. Ora sulla cima di quel monte sorge un Santuario, detto della Madonna della Guardia ("guardia" erano definiti i monti che da quelle parti servivano per vedetta).
  • Gallivaggio (Sondrio): 10 ottobre 1492 - la Madonna appare a due ragazzine che stavano raccogliendo castagne in un bosco della Val San Giacomo (verso il passo dello Spluga): chiede in particolare che venga santificata la domenica, a partire dal sabato pomeriggio. In quel luogo ora sorge il Santuario di Gallivaggio, intitolato all'Apparizione di Maria Vergine.
  • Cussanio (Fossano, Cuneo): 8 maggio 1521 - la Madonna appare a Bartolomeo Coppa, un sordomuto che stava pascolando le sue mucche. Bartolomeo viene creduto dopo la fine di una certa pestilenza e il Santuario sorto lì è intitolato alla Madre della Divina Provvidenza.
  • Montallegro (Liguria): 2 luglio 1597 - su una collina presso Rapallo la Madonna appare ad un contadino che stava andando a casa, Giovanni Chichizola, e gli dice di aver scelto quel luogo - oggi Montallegro - perché vi fosse eretta una chiesa dedicata a Lei. A "conferma" lascia una piccola icona ora conservata nel Santuario sorto lì (raggiungibile in funivia da Rapallo).
  • Chiavari: 2 luglio 1610 - la Madonna appare a tale Sebastiano Descalzo vicino ad una immagine dipinta su un muro in un orto presso l'abitato. Quasi subito in quel luogo sorgerà una chiesa che nel 1892 diverrà la cattedrale (intitolata alla Nostra Signora dell'Orto) della neonata diocesi di Chiavari; una lapide sul pavimento della navata sinistra segna il luogo dell'Apparizione e da allora il 2 luglio è sempre festa grande in città (la Beata Vergine dell'Orto è Patrona della città e della Diocesi).
  • Imbersago (Lecco) 6 maggio 1617 - vicino alla Sorgente del Lupo la Madonna appare a tre pastorelli che stavano pascolando alcune pecore. In quel luogo ora sorge il Santuario della Madonna del Bosco (detto anche della Madonna del Riccio, o della Madonna delle Castagne).
  • La Salette (Francia): 19 settembre 1846 - la Madonna appare a Mélanie Calvat e Maximin Giraut, due ragazzini che stavano portando al pascolo le mucche della famiglia. Durante l'apparizione - rimasta la sola - la Madonna parla molto, anche nel dialetto dei bimbi, sempre piangendo, in particolare raccomandando di osservare la festa e di non bestemmiare. In quel luogo, non lontano dal Piccolo San Bernardo, ora sorge un grande Santuario.
  • Castelpetroso (Isernia): 22 marzo 1888 - la Madonna si manifesta ad una donna, Fabiana Cicchino (chiamata Bibiana), che stava cercando una sua pecora smarrita; la Madonna appare in una luce smagliante in un anfratto della roccia inginocchiata vicino al Figlio morto (alcuni giorni dopo si manifesta ad altri). Ora non lontano da quel luogo sorge il Santuario di Maria Santissima Addolorata.
  • Beauring (Belgio): 29 novembre 1932 - la Madonna appare a cinque ragazzini per la prima di una serie di ben 33 apparizioni, ultima delle quali il 3 gennaio 1933. In quel luogo ora sorge la Basilica di Nostra Signora dal Cuore d’oro.
  • Kibeho (Rwanda): 28 novembre 1981 - con le parole "Ndi Nyina Wa Jambo" (Io sono la Madre del Verbo) la Madonna si presenta a Alphonsine Mumureke, studentessa sedicenne di un collegio tenuto da tre suore a Kibeho (Rwuanda); è la prima Apparizione in Africa, seguita anche da diverse altre nello stesso luogo ad altre studentesse diffidenti. In quel luogo ora sorge il Santuario di Nostra Signora del Dolore, consacrato il 31 maggio 2003.
  • San Nicolas (Argentina): 25 settembre 1983 - la Madonna appare a Gladys Quiroga de Motta, avvolta in una grande luce e con il Bambino in braccio (già da qualche giorno alcune corone del Santo Rosario avevano cominciato a brillare nelle case dei fedeli della città di San Nicolás, quasi ad annunciare un evento straordinario). Alla prima Apparizione ne seguono diverse altre (il 15 novembre Maria si presenterà come "Nostra Signora del Rosario" e dirà "Sono la Patrona di questa regione, fate valere i miei diritti"). La natura soprannaturale degli eventi è stata confermata dal Vescovo del luogo il 22 maggio 2016, cioè appena tre anni fa.


  •     @ Parrocchia di Cornaredo        @ Parrocchia di San Pietro         ◄Indice Feste e Santi►    

    novembre 2012  (pag. 3134) - invio alla redazione di segnalazioni su questa pagina -
    www.comunitasantiapostoli.it
     
    gr. 3714